profilo

Nato nel 1961 a Napoli, Luigi Gubitosi è Operating Partner di Advent International dall’ottobre 2015.

In precedenza, è stato Direttore Generale della RAI dal luglio 2012 ad agosto 2015.

Da novembre 2011 a luglio 2012 ha ricoperto il ruolo di country manager e responsabile della divisione Corporate and Investment Banking di Bank of America Merrill Lynch, Italia.

Dal 2007 al 2011 è stato amministratore delegato di Wind Telecomunicazioni, dopo essere entrato nel 2005 con la carica di Chief Financial Officer.

Dal 1986 al 2005 ha ricoperto diversi incarichi nel Gruppo Fiat: Chief Financial Officer, Direttore Finanza e Responsabile Tesoreria di Gruppo; è stato Presidente del Consiglio di Amministrazione di Fiat Partecipazioni e membro del Consiglio di Amministrazione di Fiat Auto, Ferrari, Iveco, Itedi, Comau e Magneti Marelli.

Insegna Finanza Aziendale presso l’Università LUISS Guido Carli a Roma. E’ membro del Consiglio di Amministrazione e Presidente del Comitato di Controllo de Il Sole 24 Ore.

In passato Luigi Gubitosi è stato Vice Presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (CSIT), di Asstel e membro del Comitato Fisco e Corporate Governance di Confindustria. E’ stato inoltre membro del Comitato organizzatore delle Olimpiadi di Scacchi di Torino 2006 e del Consiglio di Amministrazione di Cometa (fondo pensione dei metalmeccanici), F2i Sgr e Maire Tecnimont.

Luigi Gubitosi ha ottenuto il master in Business Administration all’I.N.S.E.A.D. di Fontainbleau, dopo la laurea in Giurisprudenza all’Università di Napoli e studi di economia presso la London School of Economics.

Luigi Gubitosi è un Chartered Financial Analyst (CFA) ed è stato Chairman dell’European Advocacy Committee.

approfondisci

Rassegna stampa

Il totonomine impazza pure a viale Mazzini. E l’ex Gubitosi cerca gloria

Il vecchio Dg prova a esplorare l’ipotesi Poste. Nel gruppo televisivo manovre su Rai way e Rai Cinema


 

approfondisci

Gubitosi e le scelte della Rai

Egregio Direttore, leggo sul suo giornale una ricostruzione imprecisa che mi attribuisce dubbi sul nome di Carlo Conti per il Festival di Sanremo ai tempi in cui ero Direttore Generale della Rai.

 

approfondisci

Rai, la Corte dei conti promuove la gestione Gubitosi del 2014

Risultati economici in miglioramento dal 2013. Positiva l’influenza sui conti della quotazione di Rai Way.

 

approfondisci

in evidenza

Luigi Gubitosi - Expo Milano 2015

«Rai ricapitalizzata con l'Ipo Rai Way. Ora riforme incisive»

Se qualcuno ancora ritiene che la Rai possa essere privatizzata così com'è, farebbe bene a riflettere sulla giornata di ieri. E magari anche a chiedere che cosa ne pensa il direttore generale della Rai Luigi Gubitos il manager a cui il governo Monti affidò due anni fa il difficile risanamento della Rai e a cui si deve oggi il successo della prima operazione strategica del gruppo pubblico dopo decenni di immobilismo, la privatizzazione e la quotazione in Borsa di Rai Way, la società che gestisce le torri di trasmissione della tv pubblica.

«Sono molto soddisfatto della risposta del mercato all'Ipo di Rai Way - dice Gubitosi a Il Sole 24 Ore - ma mi fermo qui. La privatizzazione della Rai non è un'opzione che spetta a me: la decisione è del governo. E comunque, non credo che avverrà nell'arco del mio mandato, che scadrà nella primavera del 2015 con l'assemblea sul bilancio 2014. Che si chiuderà ancora una volta in utile»....

approfondisci

Rai Parlamento - Intervista a Luigi Gubitosi

«Abbiamo regole da Asl, bisogna ringiovanire l’azienda»

Gubitosi: «Mai visto Renzi, quando vorrà gli illustrerò la situazione. Lo sciopero? Un errore, la Rai fa parte del sistema, faremo un sacrificio». L’intervista a Luigi Gubitosi.
L’11 giugno è previsto lo sciopero dei dipendenti Rai contro il taglio di 150 milioni voluto dal governo. Lei, direttore Gubitosi, cosa ne pensa? 
«Questo sciopero è un errore. La Rai fa parte del sistema. Ci è stato chiesto un sacrificio, e noi lo faremo. La Rai deve lavorare ancora di più per essere promotrice del cambiamento che il Paese chiede e di cui può e deve essere parte. Io poi vengo dal privato; sono abbastanza alieno dal concetto di sciopero per una richiesta dell’azionista».

approfondisci